Per chi usufruisce della detrazione fiscale del 36% sulle ristrutturazioni edilizie riguardanti interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuati su singole unita' immobiliari con inizio a partire dal 1/7/08 (con detrazione calcolata quindi sulle spese sostenute da tale data, per la quale fa fede la data di inizio lavori riportata sulla comunicazione al centro operativo di Pescara), il decreto legge 5/09 ha introdotto delle agevolazioni aggiuntive.

Per questi soggetti infatti e' prevista una ulteriore detrazione del  20% delle spese sostenute per l'acquisto di mobili, elettrodomestici ad alta efficienza energetica (di classe energetica non inferiore ad A+), apparecchi televisivi e computer, quando gli stessi siano destinati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione.  

Questa detrazione:
- si applica in sede di dichiarazione dei redditi sull'imposta lorda dovuta, per il 20% delle spese sostenute di non oltre 10.000 euro totali, ripartita in massimo cinque rate annuali (quindi per massimo 400 euro annuali).
- e' calcolata sugli acquisti effettuati dal 7 febbraio 2009 e fino al 31 dicembre 2009 e pagati con bonifico bancario o postale riportante causale del versamento, codice fiscale di chi paga e codice fiscale (o partita IVA) del beneficiario.

L'Agenzia delle entrate ha precisato anche che:
- il tetto di 10.000 euro deve essere riferito alla singola unita' immobiliare, quindi rimane invariato anche se la spesa e' sostenuta da piu' persone. Se, per contro, la stessa persona ha diritto alla detrazione del 36% su piu' unita' immobiliari, il tetto vale per ciascuna unita'.
- il bonus e' usufruibile solo per interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia eseguiti su unita' immobiliari residenziali. NON e' quindi usufruibile in caso di lavori condominiali, di interventi di manutenzione ordinaria, di realizzazione di garages e posti auto pertinenziali, e di acquisto o assegnazione di immobile facente parte di un edificio ristrutturato da un'impresa di costruzione o ristrutturazione immobiliare o da una cooperativa edilizia.
- sono esclusi dal bonus i frigoriferi per i quali, fino a tutto il 2010, un'altra disposizione normativa gia' riconosce, in caso di acquisto con contestuale rottamazione del vecchio, la detrazione fino al 20% del costo di acquisto per un massimo di 200 euro (Finanziaria 2007, prorogata dalla Finanziaria 2008). Stante questa limitazione, le due detrazioni sono cumulabili.

Fonte:
Decreto Legge 5/09 art.2 e Circolare Agenzia delle entrate n.35 del 16/7/09
Cerco e Offro Immobili
Pronto Intervento
Servizio Casa 365
Raccolta Punti
Catalogo Premi
Lavora con noi


Richiedi Preventivo